In un imminente articolo ( 'A T-shirt model of savings, debt, and private spending: lessons for the euro area', European Journal of Economics and Economic Policies: Intervention, Vol. 13 No. 1, 2016, pp. 39–56), ho discusso l'importanza del vincolo del risparmio-debito in macroeconomia, e ho sostenuto che le politiche dell'UE violano il vincolo del risparmio-debito. Finché continua così, la zona euro continuerà a vivere pericolosamente e rimarrà vulnerabile alla disintegrazione politica.

L'Unione europea ha sempre sottolineato che il bilancio del governo nazionale della zona euro deve essere coerente con i vincoli di bilancio fissati dalla normativa fiscale, non offrendo allo stesso tempo nessun altro canale di flessibilità fiscale a livello dell'area dell'euro. Questo approccio è in contrasto con un vincolo chiave in macroeconomia che io chiamo il vincolo di risparmio-debito.

In poche parole, il vincolo di risparmio-debito dice che qualsiasi politica che inibisce il debito inibisce anche il risparmio finanziario, la spesa, e i posti di lavoro. La prova che il quadro politico dell'UE non è coerente con il vincolo di risparmio-debito viene offerto dalla prima priorità presente nella lista offerta on-line da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea: 'Creazione di posti di lavoro e stimolo alla crescita - senza creare nuovo debito.' Fino a quando i responsabili politici europei credono o sostengono questo principio, l'euro è in mani politiche pericolose.

Una discussione più dettagliata del vincolo di risparmio-debito può essere trovata nel mio articolo citato sopra. Questo è un breve riassunto di ciò che il vincolo di risparmio-debito è pressapoco.

1. In ogni economia monetaria, l'identità di risparmio-debito definisce un vincolo finanziario fondamentale: qualsiasi aumento delle attività finanziarie deve corrispondere (o 'essere convalidato da') una quantità equivalente di nuove passività che sono poste in essere. Quando deteniamo divise, o depositi bancari o titoli di stato, o debito societario, deteniamo una passività emessa dalla banca centrale, una banca commerciale, il governo, o un'azienda privata, rispettivamente.

2. Un numero di entità del settore privato hanno il desiderio di accumulare e mantenere le attività finanziarie di uno stock come risparmio finanziario, e una quota importante si trova nei portafogli istituzionali, come i fondi pensione. Affinchè questo desiderio sia soddisfatto, deve essere accompagnato da una quantità equivalente di debiti pubblici e privati.

3. Per convalidare adeguatamente la domanda di risparmio, tuttavia, il debito deve essere sostenibile, e in questo risiede la differenza tra le questioni riguardanti il debito pubblico e quello privato.

4. Il debito privato è soltanto buono quanto la capacità del mutuatario di effettuare i pagamenti contrattuali quando sono dovuti, e questo in ultima analisi, dipende dal reddito del mutuatario. Quindi, il debito privato può diventare insostenibile, crescere sopra il livello obiettivo d'indebitamento del debitore, o fa aumentare la percezione del rischio dei creditori.

5. Il debito pubblico è sempre sostenibile a condizione che sia denominato in unità nazionale e la banca centrale sia autorizzata a utilizzare la sua moneta fluttuante per l'acquisto di titoli emessi da governi in quantità illimitate, senza condizioni. Esso diventa insostenibile in base ad accordi istituzionali specifici. Si noti che nel 2012 la Banca Centrale Europea (attraverso l'introduzione del “Outright Monetary Transactions program”) ha reso il debito dei governi nazionali, in grado di soddisfare le condizioni dell'UE, sostenibile. In sostanza, mettendo un tappo sul debito pubblico, l'Unione europea sta definendo politicamente cosa è un debito tollerabile, 'sostenibile' dei governi nazionali.

6. Se il debito privato diventa insostenibile, il settore privato inizia la riduzione della leva finanziaria, tagliare la spesa per pagare il debito. Con un numero crescente di soggetti in competizione per le attività finanziarie esistenti, e un minor numero di soggetti disposti a emettere nuovo debito, la disparità tra risparmio reale e quello desiderato cresce rapidamente, con un impatto potenzialmente dirompente sulla spesa. Il vincolo di risparmio-debito genera un potente effetto di contrazione.

7. Non offrendo nessun altro canale per la flessibilità fiscale, l'Unione europea rimuove efficacemente il più potente rimedio agli effetti di contrazione di deleveraging. E lascia effettivamente aperto un solo canale, vale a dire un surplus delle partite correnti.

8. Ciò significa che l'UE sta consegnando la propria responsabilità di fornire una risposta politica interna alla recessione. Contare sul supporto fornito da titoli di debito emesso da stranieri non è una soluzione: a) In un ristagno grave, anche un ampio avanzo delle partite correnti potrebbe non essere sufficiente per contribuire a sostenere il risparmio desiderato; b) L'avanzo delle partite correnti dipende dal debito emisso dagli stranieri e rende la zona euro dipendente dalla politica estera; c) Un apprezzamento dell'euro può ridurre la dimensione del surplus delle partite correnti; d) Le esportazioni nette tendono ad essere correlate con una distribuzione del reddito sempre più irregolare.

La prosperità economica dipende dalla politica del governo che si occupa di affrontare in modo efficace del calo della domanda causata da una disparità tra risparmio desiderato e indebitamento sostenibile. Insistere con le regole di bilancio a tutti i livelli della UE significa violare il vincolo di risparmio-debito. Le munizioni necessarie per ripristinare la prosperità sono ben messe nelle mani della UE.


Fonte: http://www.ateconomics.com/2016/03/31/european-fiscal-rules-violate-the-savings-debt-constraint/

Traduzione: Area Traduzioni - CSEPI