di Bill Mitchell

Deficit spending 101 - Parte 1
Deficit spending 101 - Parte 2
Deficit spending 101 - Parte 3
Sostenibilità fiscale 101 - Parte 1
Sostenibilità fiscale 101 - Parte 2
Sostenibilità fiscale 101 - Parte 3
Finanza funzionale e teoria monetaria moderna

Altre discussioni di Modern Monetary Theory si trovano in questa posizione - Debriefing 101.

La politica fiscale responsabile richiede due condizioni da rispettare:

1 . La posizione di bilancio discrezionale ( deficit o surplus ) deve colmare il divario tra il risparmio meno l'investimento meno la differenza tra esportazioni ed importazioni.

In questa notazione è dato come:

( G - T ) = ( S - I) - (X - M )

Che in inglese ci dice che affinché il reddito sia stabile , il deficit di bilancio ( G - T) dovrà eguagliare l'eccesso di risparmio ( S ) sugli investimenti (I) - che drena la domanda interna, meno l'eccesso di esportazioni ( X) sulle importazioni ( M ) , che aggiunge domanda estera.

Se il lato destro dell'equazione : ( S - I) - (X - M) - è in avanzo complessivamente - cioè , il settore non governativo sta risparmiando complessivamente ,allora l'unico modo in cui il livello del reddito nazionale può rimanere stabile, è se il deficit di bilancio compensa tale eccedenza.

Un surplus sul lato destro può derivare da ( S - I) > (X - M) ( vale a dire , il risparmio netto del settore domestico privato sarà maggiore del risultato netto dell’esportazione) o potrebbe essere associato ad un deficit netto delle esportazioni ( drenando domanda interna e aggiungendo risparmi esteri ) essendo maggiore del deficit del settore privato domestico (investimento maggiore di risparmio ), che aggiunge domanda.

2 . Ancora più importante , la discussione preliminare si è concentrata sul livello del reddito per la stabilità, ma come abbiamo visto non necessariamente definisce una condizione di piena occupazione .

Possiamo definire un livello di piena occupazione del reddito nazionale , come quello che si genera quando tutte le risorse sono pienamente utilizzate in base alle preferenze dei lavoratori e proprietari di terreni e di capitale , etc…

Dato che S , T e M sono tutti positivamente correlate al livello del reddito nazionale , vi è un livello unico di ciascuno di tali flussi che è definito al pieno impiego . Cambiamenti nel comportamento, ( ad esempio , un aumento del desiderio di risparmiare per ogni dollaro guadagnato ) cambierà quel livello "unico" , ma per preferenze comportamentali e parametri dati , possiamo definire i livelli di ciascuno.

Quindi possiamo chiamare S ( Yf ) , M ( Yf ) i flussi corrispondenti che sono definiti al reddito da pieno impiego ( Yf ) . Consideriamo anche che gli investimenti sono  sensibili al reddito nazionale ( questo è delineato nella cosiddetta “accelerator theory” ) in modo tale che i livelli più elevati di produzione richiedono più beni strumentali per una determinata tecnologia.

Così I ( Yf ) può essere definito come il flusso della piena occupazione degli investimenti . Noi consideriamo la spesa per l’esportazione come determinata dal livello di reddito mondiale .

Di conseguenza , per sostenere la piena occupazione , la condizione per il reddito nazionale stabile è la seguente  , scritta più  specificamente :

Condizione di deficit di bilancio di piena occupazione: (G - T) = S(Yf) + M(Yf) - I(Yf) - X

La somma dei termini S ( Yf ) e M ( Yf ) rappresenta un drenaggio sulla domanda aggregata quando l'economia è in piena occupazione e la somma dei termini I ( Yf ) e X rappresenta iniezioni di spesa in piena occupazione.

Se i drenaggi superano le iniezioni allora affinché il reddito nazionale resti stabile , ci deve essere un deficit di bilancio ( G - T) sufficiente a compensare questa lacuna della domanda aggregata.

Se il deficit di bilancio non è sufficiente , allora il reddito nazionale cadrà e la piena occupazione sarà persa.

Se il governo cerca di espandere il deficit di bilancio al di là del limite di piena occupazione ( G - T) ( Yf ), allora la spesa nominale supererà la capacità dell'economia di reagire aumentando la produzione reale e mentre il reddito aumenterà sarà tutto a causa dell’effetto dei prezzi ( cioè , si potrebbe verificare inflazione ) .

In questo senso , la Modern Money Theory ( MMT ) specifica una disciplina rigorosa in materia di politica fiscale. Non proponiamo una politica fiscale lasciata al caso. Se l'obiettivo è la piena occupazione e la stabilità dei prezzi allora la condizione di deficit di bilancio adeguati, per raggiungere  il pieno impiego, deve essere soddisfatta.

Sono deficit/surplus di bilancio buoni o cattivi?

Il saldo di bilancio non ha senso come aggregato autonomo. Che cosa fa significano $ A30 miliardi di deficit federale? Niente in sé. Che cosa significa un deficit del 2 per cento del PIL? Solo che il deficit è al 2 per cento del PIL al prezzo corrente . E un disavanzo del 2 per cento del PIL  è migliore o peggiore di uno al 4 per cento del PIL ? La risposta è che dipende.

La cifra più elevata del disavanzo (deficit) potrebbe essere l'esempio di scelte politiche fiscalmente responsabili considerando che il risultato più basso potrebbe indicare decisioni fiscalmente irresponsabili. Oppure, potrebbe essere il caso contrario, a seconda delle circostanze .

Non c'è niente di intrinsecamente buono o cattivo rispetto a qualsiasi risultato specifico di bilancio.

In risposta alla campagna del 1982 tentata da politici conservatori per far passare una legge di bilancio equilibrata nel Congresso degli Stati Uniti, il venerato macroeconomista Gardner Ackley disse:

    La mia posizione sul deficit è sempre stata, e rimane, che i deficit, di per sé, non sono né buoni né cattivi. Ci sono momenti in cui non sono solo opportuni, ma anche altamente auspicabili, e ci sono momenti in cui sono inopportuni e pericolosi. Nel corso di una recessione o un periodo di " stagflazione ", i deficit sono quasi inevitabili, e sono suscettibili di essere costruttivi, piuttosto che dannosi.

Questo blog -  Una voce dal passatovoice – i deficit di bilancio sono nè buoni nè cattivi - ha maggiori discussioni su Gardner Ackley.

Per aggiungere significato alla discussione dobbiamo mettere in relazione i risultati di bilancio alle circostanze dell'economia, piuttosto che essere sviati da qualche idea preconcetta che qualche equilibrio è auspicabile e un altro non lo è.

Il ruolo del governo non è eseguire deficit o surplus. Noi vogliamo che i governi facciano scelte politiche in grado di massimizzare le potenzialità delle persone a godersi la vita e che contribuiscano al loro benessere, date le loro circostanze, per il benessere della società e del pianeta.

Potremmo chiamare questo obiettivo una delle finalità pubbliche. Un elemento essenziale di tale obiettivo, date le attuali “murene” culturali nella maggior parte dei paesi, sarà quello di garantire che tutti coloro che vogliono lavorare e che sono in grado di farlo abbiano un lavoro, per qualsiasi motivo, abbiano un adeguato sostegno al reddito in modo che non siano alienati e socialmente esclusi.

Questo obiettivo è vincolato dalla disponibilità di risorse reali che possiede la nazione - lavoro, capitali, terreni, ecc - ma non dalla capacità finanziaria del governo di emettere moneta.

Nella maggior parte delle discussioni di bilancio, si presume erroneamente che il governo nazionale abbia un vincolo finanziario, e abbia un budget come una famiglia.

L'analogia neo-liberale  tra i bilanci delle famiglie e i bilanci pubblici è falsa . Le famiglie utilizzano la moneta e devono finanziare la loro spesa .

Tuttavia , il governo emette la valuta e deve prima spendere ( ossia accreditare conti bancari privati ​​) prima di poter tassare (cioè addebitare i conti bancari). L'affermazione che i governi devono tassare o prendere in prestito per “finanziare” la propria spesa è falsa nell'ambito di un sistema di valuta “fiat”.

Le nazioni Euro (dell’Eurozona, ndt.) sono un'eccezione a questa regola. Hanno ceduto la sovranità monetaria , e quindi devono prendere in prestito (il denaro, ndt) per coprire il deficit . Questo li rende dipendenti dai mercati obbligazionari ( in sostituzione del sostegno della Banca Centrale Europea) e li espone al rischio di solvibilità. Il problema attuale dell’Euro risiede nella progettazione difettosa del suo sistema monetario, che fu uno stratagemma neo-liberista per limitare la capacità di questi governi di prendere in prestito e spendere.

Le restrizioni alla spesa pubblica sono la quantità di beni e servizi reali disponibili per la vendita nella propria valuta , tra cui tutto il lavoro dei disoccupati. Sono false le rivendicazioni neo-liberali che i mercati obbligazionari limitano la spesa pubblica.

Il fatto è che gli unici vincoli di un governo nell’emettere moneta , come il governo australiano deve affrontare , sono quanti beni e servizi reali sono disponibili per la vendita in $ A (dollari Australiani) Quando c'è disoccupazione di massa , per esempio , possiamo concludere che il governo non ha un vero vincolo in quel momento e può portare quelle risorse lavorative in uso produttivo attraverso una maggiore spesa .

Nonostante il crollo del sistema della convertibilità delle valute ( nel 1971 ), sulla maggior parte della moneta inconvertibile (fiat) emessa, il governo impone vincoli volontari su se stesso che ricordano i vincoli di spesa sotto il regime del gold standard . Queste regole fiscali ideologicamente motivate ​sono studiate per limitare la capacità del governo di effettuare disavanzi o prestiti dal settore non governativo ( o entrambi) .

Queste regole rendono la politica fiscale asservita alla politica monetaria, che continua a richiamare il fallito approccio monetarista. Le regole di bilancio rappresentano una negazione delle opportunità che un sistema monetario fiat offre ad un governo eletto , inoltre , sono antidemocratiche ( ad esempio creando una non eletta “Commissione Bilancio” responsabile della politica fiscale).

La decisione di limitare la crescita reale della spesa pubblica al 2% potrebbe essere adatta in un certo momento specifico, data la necessità di garantire che la domanda aggregata nominale non ecceda la capacità reale e ciò possa causare inflazione. Altre volte, tale decisione sarebbe irresponsabile, ad esempio , quando la domanda nominale è debole e la disoccupazione è in aumento. Pertanto, non è ragionevole fare di tale restrizione una regola fissa.

Spesso si fraintende sul fatto che il risultato di bilancio è determinato dallo stato di attività complessiva, ed esso sarebbe in gran parte sotto il controllo del governo. In realtà non è cosi. Se la spesa privata è debole, allora il deficit di bilancio generalmente aumenterà riducendo il gettito fiscale, indipendentemente da ciò che fa il governo.

Così, cercando di operare all'interno di false soglie e limiti ( ad esempio, una regola del 3% del deficit/PIL ), i governi falliscono facilmente e la pressione per l’austerità fiscale aumenta. Ma quando la spesa privata crolla e il deficit aumenta, la risposta corretta è quella di aumentare discrezionalmente la spesa pubblica al netto, senza effettuare tagli.

Le tipiche regole di bilancio creano una propensione al contenimento della spesa; questo danneggia lo sviluppo delle infrastrutture pubbliche, riduce il volume e la qualità di beni pubblici come l'istruzione e la salute e mantiene alti i tassi di sottoutilizzo del lavoro.

Nella crisi attuale, tali regole hanno portato a cambiamenti di politiche pro-cicliche, che sono un anatema per una gestione responsabile della politica fiscale. I governi non dovrebbero tagliare la spesa pubblica quando l'economia sta precipitando in un fase di recessione.

Materiale di fondo

I blog elencati in “materiale di fondo” contengono analisi concettuali o empiriche più dettagliate che ampliano i punti trattati in questa sezione del documento:

    A voice from the past – budget deficits are neither good nor bad

Saldi di bilancio strutturali e ciclici

Il saldo del bilancio pubblico è la differenza tra le entrate totali e le uscite totali. Quindi, se le entrate totali sono maggiori delle uscite, il bilancio è in surplus e viceversa. Va apprezzato, tuttavia, che i movimenti del saldo di bilancio finale non forniscono un'indicazione attendibile della volontà del governo.

Non possiamo concludere che se il bilancio è in surplus allora l'impatto fiscale del governo è di contrazione ( ritiro di spesa netta ) e se il bilancio è in deficit  allora l'impatto fiscale è espansivo ( aggiunta di spesa netta ).

Questa incertezza deriva dal fatto che ci sono i cosiddetti stabilizzatori automatici che operano a seguito di oscillazioni dell'attività economica, che sono, in parte, influenzati dai cambiamenti discrezionali della politica fiscale del governo.

Per vedere questo, il più semplice modello di saldo di bilancio che potremmo pensare può essere scritto come:

Saldo di Bilancio = Entrate - Uscite

Saldo di Bilancio = ( Entrate fiscali + altre entrate ) - (Pagamenti Previdenziali + altre spese)

Sappiamo che le Entrate Fiscali e i Pagamenti Previdenziali si muovono inversamente l’uno rispetto all'altro, con quest'ultimi (Pagamenti Previdenziali) che aumentano quando la crescita del PIL scende e le precedenti (Entrate Fiscali) aumentano con la crescita del PIL. Queste componenti del saldo di bilancio sono i cosiddetti stabilizzatori automatici.

In altre parole, senza alcuna modifica dei criteri discrezionali, il saldo di bilancio varierà in modo pro-ciclico nel corso del ciclo economico.

Quando l'economia è debole - le entrate fiscali calano e i pagamenti previdenziali aumentano, il saldo di bilancio si sposta verso il deficit ( o un incremento del disavanzo ).

Quando l'economia è più forte - le entrate fiscali aumentano , i pagamenti previdenziali calano e il saldo di bilancio cresce in positivo. Gli stabilizzatori automatici attenuano l'ampiezza del ciclo economico espandendo il bilancio in una fase di recessione e contraendolo in una fase di boom.

Così solo perché il bilancio è in deficit, questo non deve portarci alla conclusione che il governo sia improvvisamente diventato una “mente” in espansione.

Al livello di piena occupazione, è del tutto possibile ( e probabile) che il bilancio sarà ancora in deficit ( data la propensione del settore non governativo a risparmiare ).

Il punto è che dobbiamo misurare l'impatto degli stabilizzatori automatici nei confronti di alcuni punti di riferimento : o "piena capacità" o potenziale livello di produzione, in modo che possiamo scomporre il saldo di bilancio in quella componente che deriva da precise scelte di politica fiscale discrezionali da parte del governo , e quella che deriva dal fatto che il ciclo considera  l'economia a partire dal livello potenziale di produzione.

Questa scomposizione fornisce (in terminologia moderna) i ( discrezionali ) e ciclici saldi di bilancio strutturali. Le componenti del bilancio sono adeguate a quelle che sarebbero al potenziale o pieno livello di  capacità  di produzione.

Così, se l’economia sta operando sotto la sua capacità allora il gettito fiscale starebbe sotto il suo livello potenziale e la spesa previdenziale starebbe sopra. In altre parole, il saldo di bilancio sarebbe inferiore alla potenziale produzione rispetto al suo valore corrente se l'economia stesse operando sotto la piena capacità. Gli adeguamenti opererebbero in senso inverso se l’economia funzionasse sopra la piena capacità.

Se il bilancio è in deficit una volta computato al livello di "piena occupazione" o a potenziale livello di produzione, allora chiamiamo questo un deficit strutturale e ciò significa che l'impatto complessivo della politica fiscale discrezionale è espansiva, indipendentemente da quello che è il risultato di bilancio effettivo. Se è in surplus, allora abbiamo un avanzo strutturale e ciò significa che l'impatto complessivo della politica fiscale discrezionale è in contrazione, indipendentemente da quello che è il risultato di bilancio effettivo.

Così si potrebbe avere una crisi che spinge il bilancio in deficit, ma la posizione strutturale di fondo potrebbe essere restrittiva ( cioè un avanzo). E viceversa.

La differenza tra il risultato di bilancio effettivo e la componente strutturale è quindi considerata il risultato di bilancio ciclico e aumenta perché l'economia devia dal suo potenziale livello di produzione.

Il punto è che il saldo strutturale di bilancio deve essere sufficiente a garantire il pieno impiego. L'unica ragione sensata per accettare l'autorità di un governo nazionale e cedere il controllo della valuta a tale entità è che può  operare per tutti noi al fine di avanzare finalità pubbliche.

In questo contesto, uno degli elementi più importanti del fine pubblico che lo Stato deve massimizzare è l'occupazione. Una volta che il settore privato ha fatto la sua spesa ( e deciso di risparmiare ), sulla base delle sue aspettative per il futuro, il governo deve rendere tali decisioni private ​coerenti con l' obiettivo della piena occupazione.

Allora il governo nazionale ha una scelta - mantenere la piena occupazione per garantire che non vi sia divario di spesa , che significa che il deficit necessario sarà definito da questo obiettivo politico. Questo sarà tutto ciò che è necessario fare per colmare il divario di spesa. Tuttavia, è anche possibile che gli obiettivi politici possono essere mantenuti con un certo allentamento nell'economia ( persistente disoccupazione e sottoccupazione ), il che significa che il disavanzo pubblico sarà un po' più piccolo e forse anche, per un certo tempo, un avanzo di bilancio sarà possibile.

Ma la seconda opzione introdurrebbe un fiscal drag ( forze deflazionistiche ) nell'economia che in ultima analisi inducono le imprese a ridurre la produzione e il reddito e guidano il risultato di bilancio verso  deficit crescenti.

In definitiva, il divario di spesa è colmato dagli stabilizzatori automatici perché la caduta del reddito nazionale assicura che le perdite ( risparmio , tassazione e importazioni) eguaglino le iniezioni ( investimenti , spesa pubblica ed esportazioni) in modo che i saldi settoriali tengano ( essendo costrutti di contabilità). Ma a quel punto, l'economia sosterrà livelli di occupazione più bassi e un aumento della disoccupazione. Il bilancio sarà anche in deficit - ma in questa situazione , il deficit sarà quello che io chiamo deficit “cattivi”. Deficit guidati da un'economia in declino e un aumento della disoccupazione.

Così la sostenibilità fiscale richiede che il governo colmi il divario di spesa con deficit "buoni" a livelli di attività economica coerenti con la piena occupazione.

La sostenibilità di bilancio non può essere definita indipendentemente dalla piena occupazione. Una volta che il legame tra la piena occupazione e la conduzione della politica di bilancio è abbandonata, stiamo effettivamente ammettendo che non vogliamo che il governo si assuma la responsabilità della piena occupazione (ed i vantaggi di equità che accompagnano tale scopo).

Materiale di fondo

I blog elencati in “materiale di fondo” contengono analisi concettuali o empiriche più dettagliate che ampliano i punti trattati in questa sezione del documento:

  
    Structural deficits – the great con job!
    Structural deficits and automatic stabilisers


Lo slittamento fiscale del Governo 2012/13 - destinato a fallire fin dall'inizio

Come notato nel mio commento sul bilancio 2012-13 di maggio – la restrizione di bilancio prevista è senza precedenti nella nostra storia.

Al momento del bilancio di maggio 2012-13 lo slittamento di bilancio previsto è stato stimato essere di almeno $ A38.5 miliardi. Nell'ultimo MYEFO (Mid Year Economic and Fiscal Outlook, ndt) lo spostamento fiscale proposto è ora $ A44.1 miliardi , o 3,1 per cento del PIL. Questo tipo di spostamento verso un surplus non è mai stato realizzato nella storia conosciuta.

Il grafico seguente mostra gli slittamenti di bilancio annuali dal 1972-1973 in termini di percentuali di PIL.

Lo spostamento in deficit nel 2008-09 ha salvato l'economia da una grave recessione e la crescita è stata sostenuta l'anno successivo da un ulteriore spostamento di stimolo, anche se alcuni degli spostamenti in entrambi gli anni sono stati il risultato degli stabilizzatori automatici, riducendo il gettito fiscale e spingendo su pagamenti per il welfare (sulla base di impostazioni politiche già esistenti).

L’introito del governo su questo appare a pagina 35 del MYEFO:

    È importante sottolineare che l'impatto economico del consolidamento fiscale nel 2012-13 è molto più piccolo dei 3,1 per cento di ritorno del P.I.L. nel saldo di cassa di fondo. Questo perché il surplus è stato raggiunto attraverso una combinazione di risparmio mirato e responsabile e il naturale aumento delle entrate fiscali connessi con un'economia in crescita , assistiti da misure politiche in questo MYEFO per migliorare il funzionamento e l'integrità dei sistemi fiscali e di pensionamento.

Certamente, si possono garantire ipotesi di crescita e di elasticità fiscali sottostanti (la risposta del gettito fiscale alla crescita di una data struttura di aliquota d’imposta)  tali che il risultato di bilancio si sposta verso e/o all'interno di un surplus. Ma una contrazione fiscale minerà la crescita della spesa complessiva, a meno che il settore non governativo compensi rispetto ai tagli (non importa quale livello di contrazione è infine subito).

Nella stessa pagina ( 35 ) del MYEFO questo è ciò che il governo effettivamente assume.

Ma come tutti i governi, che hanno come presupposto la ricerca dell’austerità , il settore privato preferisce piccoli disavanzi o avanzi e aumenterà la spesa come conseguenza di un governo che persegue un cambiamento di tale bilancio, il governo australiano è nella negazione ,non solo delle circostanze oggettive che esistono attualmente, (aumento della disoccupazione; eccezionale e massiccio eccesso di debito privato sovrastato dalla baldoria di credito pre-crisi; declino dei termini di scambio che stanno minando i $ A provenienti delle esportazioni, ma stanno anche scoraggiando ulteriormente la crescita degli investimenti nel settore minerario, etc…), ma anche di psicologia di base.

L'economia non-mineraria è quasi in recessione, attualmente con una disoccupazione che mina la crescita del reddito e con investimenti molto deboli. La psicologia di base ci dice che in queste situazioni l’abbuffata di spesa privata delle dimensioni necessarie per "più che compensare” i tagli pubblici non sarà imminente.

Tuttavia, vi è anche una certa disonestà nel modo in cui il governo ci presenta i dati.

Nella dichiarazione del bilancio di maggio 2012-13 era ovvio che almeno $ A8.5 miliardi di spesa, che fluiranno in quest’anno, sono stati spostati per essere contabilizzati contro il risultato del 2011-12. Così il deficit nel 2011-12 è stato artificialmente gonfiato, la qual cosa è appena accaduta per consentire loro di registrare un surplus sulla carta, nonostante il grado di contrazione associato alla posizione fiscale del 2012-13 sia stato meno di quanto sarebbe stato disponibile se ci fosse stato davvero un 3,1 % di recesso di PIL in un anno.

In altre parole, il grado di contrazione di questo anno fiscale è in realtà meno nel 2012-13 rispetto a quello che i dati nominali suggeriscono. Quanto meno è una supposizione , ma se sottraiamo il $ A8.5 miliardi a partire dallo scorso anno e lo aggiungiamo a quest'anno, allora si sta parlando di un $ A27 miliardi di spostamento fiscale , che è di circa 1,8 per cento del PIL .

Ancora più importante , questo significa che la posizione di bilancio sottostante nel 2012-13 non è un surplus affatto ma un disavanzo di circa A7.4 miliardi di dollari ( 0,5 per cento del PIL) .

Quali che siano i numeri reali ( e risultano essere ) e la tortuosità a parte, la direzione della politica fiscale è completamente sbagliata. Anche se si finisce per essere un 1,8 per cento di contrazione del PIL, quella scala di spostamento fiscale pari a un anno è anche senza precedenti storici ed è totalmente inadatta in un momento in cui la spesa non-governativa non compensa la perdita di spesa netta pubblica.

La domanda che deve essere posta è in quali circostanze un governo responsabile eliminerebbe  spesa netta equivalente al 1,8 per cento del PIL in un anno ( quando è prevista inflazione costante o in diminuzione )?

Devi fare questa domanda in un contesto effettivo di crescita del PIL quando opera intorno al 2,5 per cento rispetto a quello attuale , e trend al ribasso e con il motore principale della crescita - investimenti privati ​​che rallentano a causa del crollo dei prezzi delle materie prime.

La risposta alla domanda è che l'economia avrebbe dovuto essere spinta ben al di sopra di tendenza e violando la barriera dell’inflazione - con la piena occupazione e zero sottoccupazione - e la crescita privata sarebbe dovuta essere molto forte e diventare ancora più forte durante il periodo di previsione.

Non ci sono mai state condizioni come quelle negli ultimi 40 anni. Né ci saranno nei prossimi 12 mesi.

Ecco perché questa scala di prelievo fiscale è un atto di vandalismo , guidato da fuorvianti (calcolata male) macchinazioni politiche ed è priva di qualsiasi logica economica. Ecco perché fallirà.

Conclusioni

La posizione di bilancio attuale non riflette le realtà macroeconomiche e sta minando il perseguimento delle finalità pubbliche.

(c) Copyright 2013 Bill Mitchell. Tutti i diritti riservati.


Autore: Bill Mitchell


Fonte: http://bilbo.economicoutlook.net/blog/?p=23673



Traduzione a cura di: Aldo Scorrano

Revisione: Fabio Di Lenola